Gibson Les Paul I migliori anni: i tempi migliori e quelli peggiori

Gli anni migliori e peggiori delle Gibson Les Paul, le loro età d’oro e le loro età buie, vintage e moderne, qualità, caratteristiche e differenze.

Gibson Les Paul: qualità e caratteristiche negli anni

La Les Paul è la chitarra più iconica di Gibson, il produttore di chitarre elettriche con più storia e tradizione. La Gibson Les Paul è stata la prima chitarra elettrica solid body realizzata dal marchio. Il suo lancio avvenne nel 1952, ma negli anni subì diverse modifiche fino a raggiungere il modello definitivo nel 1957. Se vuoi saperne di più sulle modifiche leggi L’evoluzione della Gibson Les Paul.

Nel 1960, Gibson interruppe il modello e lo sostituì con la SG. Il suo design eccessivamente tradizionale e il suo peso e costo maggiori rispetto al resto delle chitarre sul mercato fanno diminuire le sue vendite. Così, la Gibson SG, con un design moderno, più leggero ed economico, la sostituisce.

Nel 1968, con la famigerata Norlin Era, grazie all’adozione di musicisti famosi come Eric Clapton, Mike Bloomfield e Keith Richards, la Gibson Les Paul fu ripubblicata e la produzione continua ininterrotta fino ad oggi.

I migliori anni per Gibson Les Pauls

Qui parliamo in termini generali, ma non dovrebbe essere generalizzato. In tutti i tempi puoi trovare buone chitarre e altre che non lo sono. Qui esprimiamo la qualità dei materiali e delle lavorazioni, e i controlli di qualità di ogni periodo. Vengono così individuati i periodi in cui si trovano gli strumenti migliori.

Periodo 1952-1956: L’età della transizione

Questa volta insieme alla successiva, insieme coprono l’anno 1952-1960, include le migliori Gibson Les Paul per qualità dei materiali e livello di costruzione. Tuttavia, poiché questo periodo è di transizione, fino ad arrivare al modello finale con ponte Tune-o-Matic e pickup humbucker PAF; Questa non è l’era più ricercata della Les Paul.

I migliori anni della Gibson Les Paul: Goldtop 1952.

Qui possiamo trovare ottime chitarre Goldtop con pickup P90 e cordiera lunga e ponte tradizionale del 1952. I modelli che vanno dal 1953 al 1954, le Gold Top iniziano ad avere il ponte Wrapped. Ma tra i due anni c’è un’altra importante differenza, non è stato fino al 1954 che il collo ha preso l’angolo di 17º, che sarà definitivo. Infine, nel 1955, la Gibson Les Paul incorporò il ponte Tune-o-Matic.

Questa è probabilmente la seconda annata più ricercata per la Gibson Les Paul, soprattutto per i collezionisti. È anche normale trovare custodie di chitarre «Conversion», che sono chitarre di quest’epoca che vengono modificate secondo le specifiche definitive della Les Paul, cioè i pickup P90 vengono cambiati per humbucker PAF e viene aggiunto il ponte Tune-o -Matic -a quelli prima del 1955-.

Periodo 1957-1960: L’età d’oro della Gibson Les Paul

L’era migliore della Gibson Les Paul è senza dubbio questa. Le Gibson Les Paul realizzate tra il 1957 e il 1960 sono il Santo Graal del modello. Nel 1957 apparve finalmente il modello come lo conosciamo oggi. Ecco quindi i tempi migliori in termini di qualità costruttiva e di materiali utilizzati e le specifiche più ricercate.

Anni migliori 1958, 1959 e 1960: Gibson Les Paul "Burst".

All’interno di questa Età, ci sono anche diversi livelli di preferenze. Nel 1957, la Gibson era ancora Goldtop. Fu solo nel 1958 che apparve la finitura Sunburst, nella quale si vedono i piani in acero liscio o fiammato. Le Gibson Les Paul realizzate tra il 1958 e il 1960 sono conosciute come “Burst”; e questi sono i più apprezzati di tutti. Ma anche tra i Burst ci sono differenze. Le tapas fiammate sono apparse con più consistenza solo nel 1959 e queste hanno generalmente una qualità migliore rispetto a quelle che seguirono nel 1960. Pertanto, l’ordine di valore in generale è il seguente: prima le Les Paul del 1959, poi quelle del 1960, poi quelle del 1958 e infine il ’57 Goldtop.

Questi sono sicuramente gli anni migliori della Gibson Les Paul. Purtroppo i prezzi di questi strumenti sono molto alti, e le copie sono molto rare.

Nel 1961, la Gibson Les Paul fu interrotta e sostituita dalla SG, a causa del calo delle vendite.

Periodo 1968-1971: Il ritorno della Les Paul

Grazie all’adozione di famosi chitarristi, sette anni dopo, Gibson ha rifatto la Les Paul. Gibson Guitars ha rilasciato un modello Goldtop P90 simile al 56 e al Custom con due humbucker, ma invece di avere un corpo tutto in mogano come il “Black Beauty” del 1957 aveva anche un top in acero come lo Standard.

 Gibson Les Paul Goldtop con P90 del 1968.

Nel 1969, la Gibson Les Paul Deluxe apparve con i minihumbucker. La chitarra era la stessa del 1968, solo che invece di usare i P90, sfruttando la stessa cavità, usavano uno stock di ricambio di pickup mini-humbucking della fabbrica Epiphone.

Questa era, dal 1968 alla metà del 1971, è probabilmente la terza era più ambita per la Gibson Les Paul.

Periodo 1971-1985: L’era Norlin

Nel 1970, una società ecuadoriana prese il controllo di Gibson, da questo momento iniziò l’era Norlin. Il nuovo azionista attua quelli che vede come “miglioramenti” di processo e di produzione. Ma questi cambiamenti, attuati dalla metà del 1971 in poi, non sono ben accolti dai puristi di Les Paul. Questo è il motivo per cui questo periodo è considerato il più oscuro di Gibson.

Gibson Les Paul Norlin 70s con corpo Pancake.
Gibson Les Paul body pancake degli anni ’70

Questi anni erano caratterizzati da corpi pancake, top in acero in tre pezzi invece di due pezzi abbinati a libro. Sono inoltre presenti i manici arrotolati in tre pezzi e realizzati in acero anziché in mogano. I corpi in pancake e i manici laminati e/o in acero, cercavano di migliorare la qualità poiché davano più stabilità alla chitarra. Ma questi cambiamenti sono stati una grande delusione per gli utenti di Gibson Les Paul.

Inoltre in questi anni c’era la convinzione che il peso aiutasse il tono dello strumento. Per questo motivo in questi anni si trovano solitamente le chitarre più pesanti di tutti i tempi. Alcune Gibson Les Paul possono pesare fino a 12 libbre (5,44 chilogrammi).

Gibson Les Paul Norlin 70s top e manico in acero tre pezzi.

Periodo 1986-1999: Ritorno alle origini e miglioramento della qualità

Tra il 1986 e il 1999 Gibson si è concentrata sul miglioramento della qualità dei suoi prodotti. In questi anni vengono implementati maggiori controlli di qualità in tutti i processi. Questi miglioramenti influiscono sull’uso di legni migliori e finiture più accurate.

Alla fine degli anni ’80, Gibson iniziò a definire modelli basati su specifiche classiche. Così, Gibson iniziò il suo percorso verso quello che la maggior parte degli amanti del marchio considerava il modo “corretto” di realizzare le tradizionali chitarre Les Paul.

Per ottenere una migliore qualità, l’azienda si ristruttura, riducendosi e assumendo una dimensione più gestibile, ottenendo un maggiore controllo di ciò che produce.

Così, dalla metà degli anni ’80 inizia una ricostruzione del marchio in cui si possono trovare buoni modelli, soprattutto degli anni ’90. In effetti, il periodo dal 1990 al 1996 è considerato un’età dell’oro moderna.

Ristampa Gibson Les Paul Burst del 1988.

Periodo 2000-2006: Stabilità della qualità

In questo periodo non c’è molto da evidenziare. Gibson ha già recuperato gran parte della sua traiettoria perduta nell’era Norlin. I modelli Gibson Les Paul sono in linea con ciò che il mercato si aspetta e come dovrebbe essere realizzato. La produzione di Gibson continua a crescere, ma non ci sono grossi problemi di approvvigionamento o qualità.

Periodo 2007-2012: Carenze e calo della qualità

Dal 2007 al 2012, Gibson è diventata piuttosto grande e sta vivendo un esaurimento delle scorte di palissandro ed ebano. Ciò influisce sulla qualità dei legni utilizzati nelle chitarre. La qualità degli strumenti è varia, poiché non si ottiene quantità e qualità sufficienti per fornire la produzione.

In questo periodo viene implementato il chambering in alcuni modelli Gibson Les Paul, per poter utilizzare legni più pesanti senza che le chitarre pesino quanto pesano gli anni ’70. Per i fan del marchio, questo significa una riduzione della qualità e una rottura con la tradizione del modello. Questo problema è particolarmente esacerbato nei tre anni dal 2010 al 2012. Gibson è costretta a utilizzare armadietti in laminato e legno alternativo, corpi con parti più alte e mogano più pesante di qualità inferiore.

2010 Gibson Custom Shop Les Paul Custom 1957 Riedizione 57 3 Pickup Black Beauty.

Gibson Les Paul Custom adotta la richlite per sostituire l’ebano

Nel 2010, a causa della mancanza di ebano, l’iconica Gibson Les Paul Custom ha interrotto la produzione con una tastiera in ebano e ha iniziato a utilizzare la richlite. Richlite è un materiale sintetico composto da cellulosa e resina fenolica. Ci sono modelli speciali che vengono forniti con una scatola di immagazzinaggio in ebano, ma il modello Custom “standard” no.

Periodo 2013-2021: Gibson Les Paul oggi

A partire dal 2013, Gibson migliora i suoi problemi di approvvigionamento. Inizia a utilizzare diverse qualità di mogano ma con un efficace processo di selezione in cui le diverse qualità vengono assegnate in base al livello del modello. Così, le Gibson Les Paul Standard, hanno ancora una volta un alto livello di qualità e persino il legno.

L’anno 2013 è considerato il migliore dell’attuale millennio, poiché le specifiche sono in linea con quanto ritenuto “corretto” dal pubblico Gibson. Inoltre, la qualità del legno e della costruzione è coerente. Tuttavia, questo cambia dall’anno 2014, quando Gibson vuole “aiutare” e “modernizzare”. Appaiono, tra le altre modifiche, i sintonizzatori robot G-Force, il collo ad alte prestazioni, loghi e intarsi diversi da quelli tradizionali. Tutti questi cambiamenti sono fortemente contrastati dal tradizionalismo del fanatico del marchio.

La Gibson Les Paul 2015 è dotata di una tastiera più ampia per poter produrre vibrazioni più estreme. Inoltre alcuni modelli incorporano il dado regolabile in bronzo, non portano i pennini tradizionali e sono dotati di G-Force. Questo rende quell’anno uno degli anni più evitati dai fondamentalisti “vintage correct”.

Gibson Les Paul Standard Burst

Dal 2016 Gibson inizia a tornare alla “tradizione”, migliorando le specifiche verso quelle classiche. Sottolineando I modelli storici per le linee più costose ei modelli standard sono classificati per decennio. Cioè, le linee sono focalizzate sulla tradizione e sui tempi classici della Les Paul. Gli anni in corso sono già considerati da molti come i migliori per le linee superiori della Les Paul.

Qual è il tuo periodo preferito per rapporto qualità-prezzo?Quali anni della Gibson Les Paul ti mancano?Quali sono per te gli anni migliori della Les Paul? Raccontaci le tue esperienze nella sezione Commenti.

Note correlate:

Lascia un commento