Intervalli musicali: calcolo, tabelle e tipi di intervalli

Intervalli musicali: calcolo, tabelle e tipi di intervalli

Gli intervalli musicali sono la misura delle distanze tra le note, ed è un concetto fondamentale per comprendere la teoria musicale, vedremo i diversi tipi e caratteristiche dell’intervallo musicale e delle tavole.

Sommario

Cos’è un intervallo musicale?

Un intervallo è la distanza tra le note, o in altre parole, è la differenza di altezza tra due toni. Pertanto, è anche una relazione tra due note. La definizione di intervallo musicale include sia note, toni o suoni che suonano simultaneamente, come accordi, sia quelli che suonano in successione: arpeggi, scale, melodie e altri.

Esempi di intervalli musicali

Probabilmente hai sentito frasi come: “Tra le note di questa melodia di chitarra c’è un intervallo di settima diminuita”; “Questo accordo è formato da un intervallo di 3° M e un altro di 5° G”. Queste frasi indicano intervalli musicali usati in canzoni, melodie o accordi.

Di seguito puoi vedere un esempio di intervalli di note successive e note simultanee:

Intervalli musicali simultanei e successivi con E e B.
Intervalli musicali successivi e simultanei con mi e si.

Forse prima di iniziare questo tutorial vuoi imparare a leggere gli spartiti: impara a leggere la musica per chitarra.

Come si misura un intervallo musicale?

Quindi, una volta che sappiamo cos’è un intervallo musicale, la domanda è come si misura questa differenza di altezza delle note musicali o semplicemente come si misura un intervallo?

La risposta è davvero semplice, per misurare un intervallo musicale, dobbiamo contare i toni e i semitoni che esistono tra le due note musicali che compongono l’intervallo. Successivamente vedremo i tipi di intervalli, tabelle e altro.

Probabilmente ti starai chiedendo ora cos’è un tono? e un semitono?

Che cos’è un tono e un semitono?

In modo semplice, possiamo definire che un semitono è la distanza tra due note successive. Questo vale anche per due tasti successivi della chitarra. D’altra parte, un tono è la distanza formata da due semitoni. Così le note musicali occidentali sono separate da semitoni e due semitoni formano un tono ( ST + ST = T ). Ad esempio, tra C e C# c’è un semitono, e tra C e D ci sono due semitoni, o più precisamente un tono.

Un semitono è la distanza tra due note successive.  Un tono è la distanza formata da due semitoni.

Semitono

Il semitono è la distanza minima tra due note. Su una chitarra, un semitono (ST) è la distanza tra due tasti successivi. C’è anche una distanza di semitono tra la corda aperta e il primo tasto.

Esistono due tipi di semitoni:

  • Semitono cromatico
  • Semitono diatonico
Mezzitoni cromatici

Il Semitono Cromatico è quello le cui due note che formano l’intervallo musicale del semitono hanno lo stesso nome. Ad esempio, Do-Do#, Sol-Solb, Re-Re#, Fa-Fab, ecc.

Intervallo musicale cromatico, semitoni cromatici, ad esempio: Intervallo C - C# e Sol e Solb
Intervallo Do – Do# e Sol e Solb
Semitono diatonico

Il semitono diatonico è quello in cui le due note che compongono l’intervallo di semitoni hanno nomi diversi. Ad esempio, Do-Reb, Sol-Fa#, Si-Do, Mi-Fa, ecc.

Il semitono diatonico è quello in cui le due note che compongono l'intervallo musicale del semitono hanno nomi diversi, ad esempio C-Reb e G-F#.
Esempio: Do-Reb e Sol-Fa#

Come puoi vedere la differenza tra semitono diatonico e cromatico è scritto e non sonoro.

Tono

Un tono è uguale a due semitoni, cioè su una chitarra è la distanza tra due tasti. Ad esempio, tra il tasto 1 e 3 c’è un tono, o potremmo anche dire due semitoni. Lo stesso vale per la corda aperta e il tasto due.

Riassumendo: 1 Tono = 2 Semitoni.

Se prendiamo come base le note naturali -senza includere le note alterate-, cioè la scala C Maggiore, le distanze tra le note sono le seguenti: TT-ST-TTT-ST

Intervalli di scala in do maggiore
Intervalli di scala in do maggiore

Sul pianoforte questo si vede chiaramente, poiché i tasti bianchi o avorio sono le note naturali e i tasti neri sono le note alterate o armoniche.

Tastiera di pianoforte con le note naturali sui tasti bianchi e le note alterate o armoniche sui tasti neri.

Ti consigliamo di guardare il nostro tutorial CAGED System for Guitar: Suonare gli accordi sulla tastiera.

Numerazione e qualificazione di un intervallo musicale

Normalmente un intervallo musicale non è nominato secondo i toni e/o semitoni che possiede, anche se è una forma valida, ma secondo le note di distanza. Quando parliamo di note ci riferiamo alle note della scala in cui stiamo suonando; quindi, nella scala di Do maggiore, utilizzeremo l’ ordine numerico delle 7 note naturali: Do-Re-Mi-Fa-Sol-La-Si, in contrapposizione alle 12 note -semitoni- esistenti. Quindi, tra D e Re, se siamo nella scala maggiore, l’intervallo è 2 perché Re è la seconda nota. In questo modo, l’intervallo Do-Re è il 2°.

Ma allora perché abbiamo visto il concetto di tono e semitono? I toni ei semitoni indicheranno il tipo di intervallo: MaggioreMinoreGiustoAumentato o Diminuito.

Come sono numerati gli intervalli musicali?

Un intervallo viene numerato contando il numero di note che copre, cioè comprese le note che compongono quell’intervallo. Come abbiamo visto sopra, nell’intervallo di Do e Re è 2a, poiché Do è la prima nota e Re è la seconda, l’intervallo è 2a.

Di seguito, troviamo un altro intervallo musicale che va da Sol a Mi.

Esempio di intervallo musicale di 6a: Sol - Mi
Esempio: Sole – Mi

Numerazione di un intervallo musicale

Nell’esempio precedente vediamo come nell’intervallo Sol-Mi ci siano 6 note a parte, quindi l’intervallo è 6a. Come puoi vedere, la numerazione o il numero che viene normalmente utilizzato è l’ordinale femminile. Ad esempio, tra C e A c’è una 5a o 6a, tra D e G una 3a o 4a, ecc.

Queste note possono essere modificate o meno a seconda della scala in cui si trova la melodia. Ora, siccome le note da cui cominciamo a numerare l’ intervallo possono essere alterate, col numero proprio non sappiamo esattamente il numero di toni e semitoni che esistono fra l’ intervallo.

Intervalli musicali con note naturali e note alterate.
Esempio di 3° intervallo: Do-Mi e Do-Mib

Vedendo gli esempi dell’immagine precedente, potrete notare che mentre tra Do e Mi c’è un 3° e la distanza è di 2 toni; tra C e E bemolle è anche un 3o intervallo e tuttavia la distanza è 1 tono e 1 semitono. Per identificare queste differenze dobbiamo qualificare gli intervalli per poterle distinguere inequivocabilmente.

Potresti essere interessato a conoscere le migliori 50 canzoni country facili da suonare alla chitarra.

Come vengono valutati gli intervalli musicali?

Oltre alla numerazione degli intervalli, esistono anche diverse tipologie o qualifiche che possono essere: MaggioreMinoreGiustaAumentata o Diminuita.

Tuttavia, ogni tipo di intervallo può avere qualifiche diverse:

  • I qualificatori Maggiore e Minore sono usati in secondi (2a), terze (3a), sesta (6a) e settima (7a).
  • Il giusto qualificatore può essere utilizzato solo in quarti (4°), quinti (5°) e ottavi (8°).

Intervalli maggiori -M-, Minore -m- e Giusta -G-

Guarda la scala naturale Do:

La scala C maggiore con intervalli maggiori e solo musicali.
Scala naturale C e intervalli maggiori e discreti

Sopra nella scala C Maggiore possiamo vedere ciascuno degli intervalli e le distanze di interi e semitoni:

  • Seconda Maggiore = 1 tono
  • Terza Maggiore = 2 toni
  • Quarta Giusta = 2 passi interi + 1 semitono
  • Quinta Giusta = 3 passi interi + 1 semitono
  • Sesta Maggiore = 4 passi interi + 1 semitono
  • Settima Maggiore = 5 passi interi + 1 semitono
  • Ottava Giusta = 6 toni

Se invece prendiamo le note naturali da E otteniamo gli intervalli minori e discreti:

Note naturali a partire da E: intervalli musicali minori e discreti.

Partendo da E e utilizzando le note naturali, gli intervalli e la distanza in toni interi e semitoni sono:

  • Seconda minore = 1 semitono
  • Terza minore = 1 intero + 1 semitono
  • Quarta Giusta = 2 passi interi + 1 semitono (come da C)
  • Quinta Giusta = 3 passi interi + 1 semitono (come da C)
  • Sesta minore = 4 toni
  • Settima minore = 5 toni
  • Ottava Giusta = 6 toni (come da C)

Intervalli aumentati e diminuiti

Per quanto riguarda i qualificatori “aumentato” e “diminuito” possono essere utilizzati in qualsiasi intervallo. Gli intervalli aumentati sono un semitono più alti del rispettivo intervallo maggiore o giusto. Quindi, di seguito puoi vedere due esempi, un intervallo di quinta perfetta e la sua variante aumentata, e lo stesso con una sesta maggiore e la sua rispettiva variante aumentata.

Intervalli musicali aumentati, esempi: C - G# e Mib - C#.
Intervalli aumentati

È possibile ottenere una portata maggiore da un modo più ampio o solo uno dei due. Questo è aumentare la nota superiore di un intervallo di un semitono come nel primo esempio, o abbassare la nota inferiore di un semitono come nel secondo esempio, rendendo il mi bemolle. Quindi, con le due opzioni otteniamo che l’intervallo sia esteso di un semitono.

Intervalli diminuiti

D’altra parte, gli intervalli diminuiti sono un semitono in meno rispetto al rispettivo intervallo Minore o Giusto. In tal modo, gli intervalli diminuiti sono l’opposto di quello aumentato. Sicché per creare un intervallo diminuito da un minore o da uno solo bisogna ridurre l’ intervallo di un semitono.

Intervalli musicali ridotti, esempi: C - C# e F# - Mib.

Come abbiamo visto, si potrebbe ridurre di un semitono la nota acuta, ad esempio da Sol a Sol bemolle, o aumentare di un semitono la nota grave, che sarebbe da Fa a Fa#.

Tabella dei nomi degli intervalli musicali e dei nomi brevi

Numero di semitoniIntervalli minori, maggiori o perfettiBreveIntervalli aumentati o diminuitiBreveNomi alternativi ampiamente utilizzatiBreve
0Unisono Giusto1°GSeconda diminuita2°dim  
1Seconda minore2°mUnisono Aumentato1°aumSemitonoST
2Seconda Maggiore2°MTerza diminuita3°dimTonoT
3Terza minore3°mSeconda Aumentata2°aumTrisemitone 
4Terza maggiore3°MQuarta diminuita4 dim  
5Quarta Giusta4°GTerza Aumentata3°aum  
6  Quinta diminuita
Quarta aumentata
5°dim
4°aum
TritonoTT
7Quinta Giusta5°GSesta diminuita6°dim  
8Sesta minore6°mQuinta aumentata5°aum  
9Sesta Maggiore6°MSettima diminuita7°dim  
10Settima minore7°mSesta aumentata6°aum  
11Settima maggiore7°MOttava diminuita8°dim  
12Ottava Giusta8°GSettima Aumentata7°aum  

Ti consigliamo di provare le migliori drum machine virtuali online gratuite.

Grafico dell’intervallo musicale

Per facilitarci come nominare qualsiasi intervallo musicale che si trovi all’interno di un’ottava c’è la Tabella degli Intervalli. La tabella degli intervalli musicali è un modo più efficace e più semplice per identificare gli intervalli e metterli in relazione tra loro.

Di seguito puoi vedere lo schema per qualificare un intervallo:

Tavola degli intervalli musicali, dove sono raggruppati gli intervalli discreti: 4°, 5° e 8°;  e gli intervalli minore e maggiore: 2a, 3a, 6a e 7a.

Come puoi vedere, tutti gli intervalli minori hanno un semitono inferiore ai rispettivi maggiori. Ad esempio, una terza maggiore ha 2 passi interi mentre una terza minore ha 1 passo intero e 1 semitono.

Di seguito possiamo vedere la tabella degli intervalli musicali. Viene assemblato calcolando le distanze esistenti in toni e semitoni per ogni tipo di intervallo. Pertanto, puoi vedere ogni intervallo numerato e qualificato.

Tabella degli intervalli con ogni possibile intervallo musicale per ogni nota: Giusta, Maggiore, Minore, Aumentata e Diminuita.
Tabella generale degli intervalli a partire dalla nota DO

In questa tabella troverai tutte le distanze che esistono dalla nota C a qualsiasi altra fino a un 8°.

Alcuni di questi intervalli hanno nomi molto comuni, come il caso “tritono”, che è quando c’è una distanza di 3 toni, come è il caso di un intervallo di 4a aumentata o 5a diminuita. Inoltre, quando diciamo 8a intendiamo una 8a Giusta, poiché c’è anche l’8a aumentata e diminuita. La stessa cosa accade anche con gli intervalli di 4a e 5a, e altri casi che vedremo di seguito.

Non perdere i migliori simulatori di amplificatori VST gratuiti ea pagamento.

Casi particolari di intervalli musicali

Unisono

Due note con lo stesso nome e suono si chiamano all’unisono. Cioè, se due strumenti suonano la stessa nota o se uno strumento suona una nota seguita dalla stessa nota, si forma un unisono. Così l’ unisono stesso non costituisce un intervallo, poiché non c’è distanza tra le note.

Segna all'unisono, due note uguali che in realtà non costituiscono un intervallo musicale.

Un esempio noto è la 5a Sinfonia di Beethoven, che si basa sulla ripetizione costante di tre unisoni:

Unisoni ripetuti come modello caratteristico della Quinta Sinfonia di Ludwig van Beethoven.

In armonia

Si verifica un’armonia tra due note che hanno lo stesso suono e un’ortografia o un nome diversi. Come all’unisono, non essendovi distanza fra due note enarmoniche, non si considera intervallo.

Esempi di Enarmonie: G# - Lab e Mi - Fab.
Esempi di enharmony: Sol# – Lab e Mi – Fab.

Ad esempio, re diesis e mi bemolle sono enarmoniche; quindi si riferiscono alla stessa altezza del suono, ma il loro nome è diverso. In questo modo si possono vedere nella tabella degli intervalli musicali i casi in cui un suono può essere chiamato diversamente: Do#-Reb, Re#-Mib, Fa#-Solb, Sol#-Lab e La#-Sib.

Puoi anche vedere che per ogni suono hai due possibili intervalli, ad esempio per Do-Re che è a un tono di distanza, l’intervallo può essere un 2° maggiore o un 3° diminuito. Inoltre, se prendiamo Do-LA#/Sib che ci sono 5 toni distanziati, i due possibili intervalli sono la 6a Aumentata o la 7a Minore.

Perché la stessa altezza del suono può essere chiamata con due nomi diversi? Più tardi, quando vedremo il concetto di tonalità, lo spiegheremo; Un enarmonico è usato per collegare due sezioni in chiavi apparentemente molto diverse, semplicemente sostituendo una nota per il suo enarmonico.

Come possiamo sapere quale possibile intervallo è?

L’intervallo dipenderà dal modo in cui chiami la nota. Un esempio potrebbe essere:

  • Se l’intervallo è Do – La#, sarebbe una 6a aumentata, poiché da Do a A ci sono 6 note a parte.
  • Se l’intervallo è Do – Sib, sarebbe una 7a minore, poiché da Do a Si ci sono 7 note a parte.

1° intervallo

Il primo intervallo è tra le note con lo stesso nome. Nasce come un 1° aumentato ed è equivalente a un semitono cromatico. Di seguito puoi vedere due esempi sullo staff:

Intervalli di 1a aumentata e 1a diminuita: semitono cromatico.

2a diminuita

Una seconda diminuita in realtà non costituisce un intervallo musicale, poiché non c’è distanza tra le note. Quindi una 2a diminuita è un’enarmonica.

Intervallo musicale: Seconda diminuita -2° dec-.

Se ti piace registrare a casa, ti consigliamo la migliore DAW per il tuo Home Studio.

Tipi di intervalli musicali

Intervalli ascendenti e discendenti

Gli intervalli ascendenti e discendenti sono definiti in base al fatto che la seconda nota sia più alta o acuta -crescente- o se sia più grave o grave -decrescente-.

Intervalli ascendenti

Intervalli ascendenti si verificano tra due suoni successivi quando il secondo è più acuto o più forte del primo.

Intervalli musicali ascendenti: G - D, B - C, B - F, C - C, E - A.
Intervalli ascendenti

Intervalli discendenti

Gli intervalli discendenti sono quando il secondo suono è inferiore al primo.

Intervalli musicali discendenti: G - D, A - C, B - F, C - C, B - A.
Intervalli discendenti

Intervalli articolari e disgiunti

Gli intervalli congiunti e disgiunti si riferiscono alla distanza tra i due suoni. Se i suoni sono immediati, è un intervallo articolare. Se invece i suoni non sono successivi e c’è un salto, è un intervallo disgiunto.

Intervalli articolari

Un intervallo è impostato se i suoi suoni, con o senza alterazioni, occupano gradi immediati. Pertanto, gli intervalli articolari sono quelli di secondi. Ad esempio: Do-Re, Mi-Fa Sol-La, Si-Do, Fa-Mi, ecc.

Intervalli articolari, intervalli che occupano gradi immediati, cioè sono quelli di un secondo.

Intervalli disgiunti

Un intervallo è disgiunto quando l’ordine successivo non viene seguito. Pertanto, gli intervalli disgiunti sono quelli di 3°, 4°, 5°, 6°, 7°, ecc.

Gli intervalli disgiunti sono quelli che non sono successivi, cioè non sono insiemi: 3°, 4°, 5°, 6°, 7°, 8°, ecc.

Non perdere la nostra selezione delle migliori canzoni facili da suonare con la chitarra.

Intervalli musicali melodici e armonici

Gli intervalli melodici e armonici si riferiscono al fatto che l’intervallo sia composto da due note singole -melodico- o se più di una nota suona come un accordo -armonico-.

Intervalli melodici

Gli intervalli melodici sono formati da due suoni, uno dopo l’altro, come in una melodia.

Intervalli musicali melodici, che sono formati da due suoni, uno dopo l'altro, come in una melodia.
intervalli melodici

Intervalli armonici

Gli intervalli armonici si verificano quando c’è più di un suono che suona contemporaneamente uno dopo l’altro. Gli intervalli armonici vengono contati dalla nota più bassa alla più alta o dal basso verso l’alto nella partitura.

Gli intervalli musicali armonici sono quelli che si verificano quando ci sono più suoni che suonano contemporaneamente uno dopo l'altro.
intervalli armonici

Intervalli semplici e composti

Gli intervalli semplici e composti sono definiti a seconda che si trovino tra l’ottava perfetta o meno. Se l’intervallo è fino a un 8°. giusto, è un intervallo semplice. D’altra parte, se è maggiore dell’8a G, è un intervallo composto.

Intervalli semplici

Un intervallo semplice è quando si trova entro la distanza di un’ottava perfetta (8a G). Pertanto, gli intervalli di 2a, 3a, 4a, 5a, 6a, 7a e 8a G sono intervalli semplici.

Gli intervalli musicali semplici sono quelli che si trovano entro la distanza di una discreta ottava (8° J).

Intervalli composti

Un intervallo composto è quello che ha un’ampiezza maggiore di un 8° perfetto. Pertanto, gli intervalli di 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, ecc. sono intervalli composti.

Intervalli composti, quelli che hanno un'ampiezza maggiore di un 8° (8° J) perfetto.

Gli intervalli composti sono classificati come gli intervalli semplici associati. Questo sta sottraendo un’ottava o sottraendo 7 dall’intervallo composto. Quindi, un intervallo composto da decimi, il semplice associato è quello di terzi. Se il 3° intervallo è più piccolo, anche il 10° intervallo sarà più piccolo, cioè sarà un 10° m.

Ad esempio, l’intervallo semplice che corrisponde a un intervallo di 10° m sarebbe un 3° m:

Intervalli composti e loro qualificazione.

Tabella degli intervalli composti e dei semplici associati

Intervallo
composto
Semplice
associato
10°
11°
12°
13
14

Potrebbe interessarti una guida sui migliori monitor da studio economici per il tuo Home Studio.

Intervalli consonantici e dissonanti

Gli intervalli musicali sono anche classificati come consonanti o dissonanti. Mentre gli intervalli consonantici generano una sensazione di stabilità e di riposo; i dissonanti generano una sensazione di instabilità e la necessità di una risoluzione -normalmente in un intervallo consonantico-.

Intervalli consonantici

Gli intervalli consonantici suonano stabili e completi, motivo per cui genera una sensazione di riposo sonoro nell’orecchio. Nelle consonanze troviamo gli intervalli di 3ª e 6ª sia Maggiore che minore e gli intervalli di Giusti: 4ª, 5ª e 8ª.

Consonanza perfetta, invariabile o tonale

Gli intervalli di perfetta consonanza sono quelli di 4a, 5a e 8a Fiera. Così, la stessa parola giusta dà il carattere perfetto e invariabile. Inoltre il suo carattere tonale è dato dal fatto che i gradi I, IV e V della scala sono i gradi tonali, cioè quelli che definiscono la tonalità.

Intervalli musicali con perfetta consonanza: 4°, 5° e 8° Fiera.
intervalli di perfetta consonanza
Consonanza imperfetta, variabile o modale

Gli intervalli di consonanza imperfetta sono quelli di 3a e 6a maggiore e minore. Proprio questa variabilità tra maggiore e minore rende la consonanza imperfetta o variabile. A sua volta è modale perché i gradi III e VI della scala sono quelli che più fortemente definiscono la modalità maggiore o minore.

Intervalli musicali con consonanze imperfette: 3a e 6a maggiori e minori.
intervalli di consonanza imperfetti

Intervalli dissonanti

Un intervallo dissonante suona instabile e genera tensione sonora suggerendo una risoluzione o una continuazione in un intervallo consonantico. Gli intervalli dissonanti sono la 2a e la 7a Maggiore e Minore, e tutti gli intervalli aumentati e diminuiti.

Dissonanza assoluta o diatonica

Gli intervalli con assoluta dissonanza sono quelli di 2a e 7a, tanto maggiori quanto minori, e gli intervalli accresciuti o diminuiti, nei quali, anche in armonia, si mantiene il carattere dissonante. Quindi, affinché una dissonanza sia assoluta, deve “resistere” all’inversione e all’armonizzazione.

Intervalli con dissonanza assoluta: 2a e 7a maggiore e minore e intervalli aumentati o diminuiti.
Intervalli con perfetta dissonanza

Semiconsonanze o dissonanze relative o condizionali

Le semiconsonanze o le dissonanze relative o condizionali generano una sensazione uditiva alquanto imprecisa, che non è né consonanza né dissonanza. Queste sono la 4a aumentata e la sua inversione, la 5a diminuita. Questi intervalli hanno la stessa estensione di 3 toni: C-F# e C-Solb. Così, semiconsonanze o dissonanze relative sono quegli intervalli aumentati o diminuiti nei quali, armonizzando uno dei suoi suoni, l’intervallo diventa una consonante. In questo modo si ha una dissonanza più apparente che reale condizionata al contesto tonale in cui si trova.

Intervalli musicali con relative semiconsonanze o dissonanze: 4a aumentata e sua inversione, 5a diminuita.

Potresti essere interessato a imparare i migliori riff di chitarra famosi e facili con Tab.

Inversione di intervalli musicali

L’inversione degli intervalli musicali consiste nel trasformare la nota più bassa in quella più acuta, e la nota più alta diventa la nota più bassa; in altre parole, invertire due note.

Come avviene l’inversione degli intervalli musicali?

Di seguito puoi vedere due esempi di Inversione. Il primo consiste nell’alzare di un ottavo la nota più bassa dell’intervallo. Il secondo che fa è abbassare la nota più alta di un ottavo. Pertanto, l’intervallo Do-Mi diventa Mi-Do.

Inversione dell'intervallo musicale: la nota inferiore diventa la nota superiore e la nota superiore diventa la nota inferiore.
Inversione di intervalli musicali: da Do – Mi a Mi – Do

Trucchi per ricordare l’inversione di un intervallo musicale

Ci sono due trucchi molto pratici per ricordare l’inversione di un intervallo.

Trucco di inversione di intervallo 1

Un intervallo e la sua inversione si sommano sempre numericamente a un nono. Significa che un 2° diventerà un 7°, un 3° diventerà un 6°, un 4° diventerà un 5°, un 5° diventerà un 4° e così via. L’inversione di un 8° sarebbe all’unisono.

NormaleUnisono
InversioneUnisono
Aggiunta99999999

Numerazione di un intervallo: normale e inversione

Trucco di inversione di intervallo 2

La valutazione di un intervallo e la sua inversione sono opposti. Così, per un intervallo minore, il suo Inversione è Maggiore, un intervallo Diminuito, il suo Inversione è Aumentato e così via, tranne che con un grado Equo che rimane Equo. Di seguito puoi vedere la tabella che riassume le relazioni:

NormaleInversione
MinoreMaggiore
Diminuito Aumentato
GiustoGiusto
Aumentato Diminuito
MaggioreMinore
Qualificazione di un intervallo: normale e inversione

Esempi di Inversione in cui si presentano:

  • Una 3a M capovolta diventa una 6a m: 3+6=9 e la M diventa m.
  • Lo stesso accade con una 4°G che viene invertita in una 5°G: 4+5=9 e G sta su G.
  • Infine, un 2° Inc diventa un 7° Dec: 2+7=9 e un Inc diventa un Dec.
Inversioni di intervalli musicali: da 3ªM a 6ªm, da 4ªJ a 5ªJ e da 2ªaum a 7ªdec.

Intervalli in scale

​Ormai dovresti sapere che le distanze tra le note di una scala sono fisse. Nel caso non lo sapessi, ti consigliamo di leggere questo tutorial sulle scale di chitarra per principianti.

In una scala più ampia, le distanze tra una nota e l’altra sono: T – T – ST- T – T – T – ST; indipendentemente dalla nota con cui inizi a costruirlo, dovrai sempre seguire lo stesso ordine di intervalli. Se inizi con Do, sarà la scala di Do maggiore, se inizi con Re, la scala di Re maggiore e così via.

Scrivi le distanze tra le note della scala maggiore con intervalli

Scrivendo le distanze della scala più grande come un intervallo è: 2ªM – 2ªM – 2ªm – 2ªM – 2ªM – 2ªM – 2ªm. Qui scriviamo l’intervallo in relazione a ciascuna delle note precedenti. Inoltre possiamo scrivere gli intervalli rispetto alla fondamentale -prima nota-. Quindi, l’esempio di una scala maggiore sarebbe: 2ªM – 3ªM – 4ªG – 5ªG – 6ªM – 7ªM – 8ªG.

Scala maggiore

Di seguito puoi vedere la scala C Maggiore, che indica le distanze che esistono tra ogni nota espressa in toni interi e semitoni, e gli intervalli.

Scala di do maggiore con distanza tra le note espressa in toni interi e semitoni e in intervalli musicali.
Scala C maggiore -Do M-

Quindi, contando i toni e i semitoni, possiamo trovare gli intervalli che esistono con la prima o nota fondamentale, in questo caso DO:

NotiDistanzaIntervalli
Do-Re1T2a Maggiore
Do-Mi 2T3a Maggiore
Do-Fa2T, 1ST4a Giusta
Do-Sol3T, 1ST5a Giusta
Do-La4T, 1ST6a Maggiore
Do-Si5T, 1ST7a Maggiore
Do-Do’ 6T8a Giusta

Scala minore

Di seguito puoi vedere la scala di C minore, che indica le distanze che esistono tra ciascuna nota espressa in passi e semitoni, e gli intervalli.

Scala di do minore con distanza tra le note espressa in toni interi e semitoni e in intervalli musicali.
Scala C minore -C m-

Quindi, contando i toni e i semitoni, possiamo trovare gli intervalli che esistono con la prima o nota fondamentale, in questo caso Do:

NotiDistanzaIntervalli
Do-Re1T2a maggiore
Do-Mib 1T, 1ST3a minore
Do-fa2T, 1ST4a giusta
Do-Sol3T, 1ST5a giusta
Do-Lab4T6a minore
Do-Sib5T7a minore
Do-Do’ 6T8a giusta

Differenze tra do maggiore e do minore

Come hai visto, le differenze tra le scale C Maggiore e C minore sono gli intervalli di 3a, 6a e 7a:

Scala C maggiore e C minore e loro differenze: intervalli di 3a, 6a e 7a.
Confronto tra scale di do maggiore e do minore e loro differenze

Se vuoi saperne di più sull’armonia musicale, ti consigliamo di imparare i 7 modi greci: come si formano e il loro rapporto con gli accordi.

Intervalli negli accordi

Qui vedremo la relazione tra intervalli e accordi, esemplificandola con due degli accordi di triade più comuni -3 note-: il maggiore perfetto e il minore perfetto.

Intervalli in perfetto accordo maggiore

Di seguito è riportato l’accordo di C Perfetto Maggiore, riassunto come “PM”. Il Do PM è composto da Do-Mi-Sol. Quando si ascolta un accordo di 3 note o un accordo di triade, possiamo impostare fino a 3 diversi intervalli armonici che si verificano contemporaneamente. In questo caso gli intervalli sarebbero:

Intervalli musicali in accordi maggiori perfetti.

Pertanto, gli intervalli in un accordo maggiore perfetto o PM sono:

  • Nota più bassa – nota intermedia: In Do PM, questo intervallo è composto tra la fondamentale (Do) e il 3° M (Mi).
  • Nota più bassa – nota più alta: In Do PM, questo intervallo è composto tra la fondamentale (Do) e la 5a G (Sol).
  • Nota intermedia – nota di testa: In C PM, questo intervallo è compreso tra la 3a (Mi) e la 5a (3a m) (Sol).

Intervalli in accordo minore perfetto

Di seguito è riportato l’accordo minore C Perfetto, riassunto come “Pm”. Il Do Pm è composto da Do-Eb-G. Quando si ascolta un accordo di 3 note o un accordo di triade, possiamo impostare fino a 3 diversi intervalli armonici che si verificano contemporaneamente. In questo caso gli intervalli sarebbero:

Intervalli musicali in accordi minori perfetti.

Pertanto, gli intervalli in un accordo di C perfetto minore o Pm (C-Eb-G) sono:

  • Nota grave – nota intermedia: In C Pm, questo intervallo musicale è composto tra la fondamentale (C) e la 3a m (MIb).
  • Nota inferiore – nota superiore: In Do Pm, questo intervallo musicale è composto tra la fondamentale (Do) e la 5a G (Sol).
  • Nota intermedia – nota di testa: In C Pm, questo intervallo musicale è composto tra la 3a (Mib) e la 5a (3a M – Sol).

Normalmente quando parliamo degli intervalli che si verificano all’interno di un accordo, ci riferiamo a quelli che si verificano tra la nota più bassa con la nota intermedia e la nota più bassa, in modo che vedrai cose scritte come:

  • Accordo PM: 3° M + 5° G
  • Accordo Pm: 3° m + 5° G

È un buon modo di ricordare gli intervalli che si formano in un accordo, poiché l’ultimo intervallo che abbiamo visto si può dedurre dal primo. Per esempio, nei due accordi che vi ho presentato, se la prima 3a è maggiore, la seconda 3a è minore; poiché deve trovarsi nello spazio che rimane fino a un Appena 5°. A sua volta, se la prima 3a è minore, la seconda è una 3a maggiore.

Trucco per riconoscere gli accordi Perfetto Maggiore (PM) e Perfetto Minore (Pm).

Quindi, un trucco per identificare un accordo maggiore perfetto (PM) o un accordo minore perfetto (PM) è guardare la prima 3a, cioè tra il basso e la nota intermedia. Se la terza è minore, l’accordo è minore perfetto (Pm); se invece la 3a è maggiore, l’accordo sarà perfetto maggiore (PM).

Potresti essere interessato al nostro tutorial sui nomi delle corde per chitarra: note, numeri e ordine.

Intervalli in accordi di 4 note

Gli accordi di quattro note sono più complessi, poiché si passa da tre intervalli -in accordi di 3 note- a sei. Quindi, di seguito puoi vedere un esempio di tutti gli intervalli in un accordo a 4 note:

Intervalli musicali in un accordo di 4 note con una settima dominante

Intervalli in un accordo di 4 note con una settima dominante

Gli intervalli più rilevanti sono i primi 3 formati con la nota più bassa o più bassa.

Intervalli musicali in accordi con più di 4 note

Sebbene non siano i più comuni, ci sono accordi a 5 e 6 note. Gli accordi a 5 note hanno 10 intervalli. Mentre gli accordi a 6 note hanno 15 intervalli. Di seguito puoi trovare un esempio di un accordo di cinque note e dei dieci intervalli che contiene:

Intervalli in un accordo di 5 note.

Esercizi di intervallo musicale

Esercizio 1: Intervallo musicale di Do – Sol

Che tipo di intervallo è il seguente?

Intervallo musicale da Do a Sol.

Poiché le note sono C e G, stiamo parlando di un intervallo di 5a. Ricorda la seguente tabella:

Grafico o tabella degli intervalli musicali in note, toni e semitoni: intervalli discreti, maggiori, minori, aumentati e diminuiti.

Nella tabella possiamo vedere che tra Do e Sol ci sono: Do-Re-Mi-F-Sol, cioè a cinque note di distanza. Come abbiamo già visto e si può vedere nella tabella, a scale naturali, la 5a che si forma è Fiera. In questo modo è un intervallo di 5° Giusta.

Inoltre, è un intervallo ascendente, poiché la seconda nota è più acuta o più alta. Inoltre, è un semplice intervallo musicale perché è all’interno di un’ottava. Inoltre, è un intervallo melodico, poiché prima suona una nota, poi un’altra. Poiché c’è più di una nota di distanza, è un intervallo disgiunto -non è una 2a-. Infine, l’intervallo corrisponde ad una consonanza perfetta perché è una 5a G.

Riassumendo, l’intervallo Do – Sol è:

  • Ascendente
  • Semplice Melodico
  • Disarticolare
  • consonante perfetta

Non perdere la nostra guida alle taglie di chitarre elettriche, acustiche e classiche per bambini e adulti.

Esercizio 1: Intervallo musicale di Do – Sol#

Intervallo musicale da C a G#.

Di nuovo vediamo che le note sono Do e Sol, solo che questa volta è un Sol#. Parliamo dunque di un intervallo di 5a, ma qui il Sole appare con un acuto, cioè un semitono in più. Quindi è un intervallo di 5° aumentato.

Questa è una risorsa che consigliamo per analizzare gli intervalli: confrontare qualsiasi intervallo con ciò che sarebbe normale in una scala naturale maggiore o minore e vedere se ha la stessa larghezza o meno. Quando è “normale” l’intervallo sarà maggiore, minore o giusto, altrimenti sarà un intervallo aumentato o diminuito.

Inoltre, come abbiamo già visto, è un intervallo ascendentesemplicemelodicodisgiunto, ma a differenza del caso precedente, l’intervallo corrisponde ad una semiconsonanza.

Riassumendo, l’intervallo di Do – Sol# è:

  • Ascendente
  • Semplice
  • Melodico
  • Disarticolare
  • semiconsonante

Riassunto degli intervalli musicali

Un intervallo musicale è uno dei primi passi nell’apprendimento dell’armonia nella musica. Inoltre, potremmo dire che gli intervalli sono i mattoni con cui si costruisce l’armonia e che danno forma ai nostri accordi e scale musicali.

Non perdere il nostro post dei migliori chitarristi Gibson: Les Paul, SG e altri modelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.